<

Spirito Vagabondo


Vai ai contenuti

Austria

EUROPA

 

 

LA CICLOVIA DEL DANUBIO : da Passau a Vienna

 

 

 

DIARIO DI VIAGGIO

Da qualche tempo guardavamo con curiosità a questo tipo di vacanza perché sia io che mia moglie amiamo la bicicletta -come dilettanti- abbiamo quindi deciso d'iniziare con la Ciclovia del Danubio, la piu' famosa pista ciclabile d'Europa. Per la preparazione della vacanza ci siamo avvalsi della guida “Ciclovia del Danubio” di Alberto Fiorin, utile e precisa. Per gli alloggi non ci sono stati problemi, lungo il tragitto si trovano molte strutture e nei centri piu' grossi ci siamo avvalsi dell'aiuto degli Uffici del Turismo che, senza nessun costo, prenotano la camera a seconda delle tue richieste.

 

Il 31 luglio partiamo destinazione Passau, cittadina tedesca al confine con l'Austria, lì avevamo prenotato al Rotel Inn, euro 50 per 2 persone senza colazione. L'hotel non ha vere e proprie camere, ma una sorta di capsule sullo stile giapponese, anche se piu' ampie, sembra di dormire in una cabina di una barca. Arrivati verso sera facciamo un giro per Passau, descritta come cittadina molto carina, a noi non ha entusiasmato, ha qualcosa di triste, forse anche il tempo che è un po'uggioso contribuisce a farla apparire così.

 

Prima di partire abbiamo valutato se noleggiare le biciclette oppure portare le nostre; due normalissime biciclette da città. Alla fine abbiamo pensato di utilizzare le nostre che per l'occasione abbiamo un po' accessoriato. Per i bagagli abbiamo comprato due borse ciascuno, tre utilizzate per il vestiario e una contenente un po' di arnesi per le biciclette, abbiamo messo uno zainetto leggero (di quelli piegabili) su ciascun portapacchi contenti felpa, mantella da pescatori per la pioggia e un giubbettino antivento. Anche il porta-oggetti attaccato al manubrio è stato molto utile, non solo per tenere le mappe.

Per la maggior parte del tragitto ci sono due ciclovie, una a destra e una a sinistra del fiume, per cui ognuno può scegliere il proprio percorso e passare da una sponda all'altra, grazie a delle chiatte che in alcuni punti attraversano il fiume. Noi abbiamo seguito i consigli della Guida.

 

 

Prima tappa da Passau a Kobling

1 agosto ore 7.30 pronti per la partenza, lasciamo l'auto parcheggiata -gratuitamente- all' hotel a cui consegnamo anche le chiavi; ultima sistemata alle nostre bici e via.

 

 

Ci dirigiamo sul lato sinistro del Danubio, abbiamo scelto questo lato per prolungare la permanenza in terra di Germania. La pista ciclabile costeggia a destra il Danubio e a sinistra la strada, abbastanza trafficata, la prima parte non è un granché ma dopo 16 km , dopo la cittadina Obernzell , si ha il primo assaggio del vero spirito dell'impresa. La pista lascia la statale e si addentra nella natura. Niente più rumori di civiltà si pedala in simbiosi con la natura, quasi fino a Linz. Avevamo preventivato di arrivare a fine tappa a Niederranna (da Passau 32 km ) o al massimo a Freizell (da Passau 34,7 km ) ma ci eravamo sottovalutati, in realtà siamo arrivati a fine tappa a Kobling (da Passau 48,1 km .)

Beh in effetti qualche in certi momenti,la stanchezza si è fatta sentire.

 

Seconda tappa Kobling - Linz. 46.0 km in 6 ore 16 min 3006 calorie consumate.

Dopo 12 ore di sonno ci svegliamo immersi in una fitta nebbia, è un paesaggio incantato il silenzio è totale e fa anche fresco ma per uno a cui piace la nebbia non fa che piacere, dopo un'ottima colazione si parte. D'avanti a noi si presenta una salita senza fine ma per fortuna dopo solo 100 mt la ciclovia volge a sinistra e riprende a costeggiare il lato sud del Danubio, questa prima parte è veramente notevole in quanto per molti km corre all'interno di una riserva faunistica dove gli unici rumori sono il canto degli uccelli e i campanelli dei vari ciclisti che avvisano il loro sopraggiungere. La seconda parte è meno piacevole per non dire bruttina, corre a fianco della statale molto trafficata e il caldo misto con lo smog non aiuta un gran che a non pensare alla fatica che ormai si fa sentire, inoltre la riva del Danubio rimane lontana e siamo obbligati a seguire il sali scendi della strada. Arrivati a Linz ci dirigiamo all'ufficio del turismo che è nella bella piazza centrale, per farci prenotare una camera decorosa a prezzi ragionevoli. Troviamo un'ottima Gasthof a 2 passi dove decidiamo anche di mangiare e la cena è ottima. Facciamo una “giratina” per Linz, che è molto carina ma la stanchezza ha il soppravvento e quindi andiamo a dormire.

 

 

Terza tappa Linz-Grein. 65.0 km in 6 ore 26 min. bruciate 4000 calorie.

 

Lungo il percorso si trova Mathausen, tristemente nota anche se la cittadina è carina, non vistiamo il lager poiché già stati in un precedente viaggio ma doveroso andare. Il Gps fa le bizze dopo Mathausen causa una deviazione ci dobbiamo allontanare dal percorso originale che corre lungo l'argine e ci addentriamo in un paesaggio industriale segnalato male per poi finire in mezzo ad un campo di “formentone” (granoturco) qui il tracciato è a dir poco incasinato si alternano strade sterrate e asfaltate a volte in mezzo a cantieri di movimento terra, il sole oggi non da tregua, ci ha letteralmente arrostito. Alla fine della giornata abbiamo percorso circa 65 km , sotto un sole cuocente. Non contenti dei molti km percorsi per finire in bellezza troviamo alloggio in una privat zimmer alla fine di una ripida salita di circa 1 km , ma siamo soddisfatti perché ci troviamo benissimo, la miglior sistemazione di tutto il viaggio e anche la piu' economica, 42 euro con colazione per 2 persone. Parcheggiamo le bici in garage, una doccia veloce e via alla scoperta dei luoghi.

 

 

Quarta tappa Grein - Melk. 49.7 km in 5 ore 11 min. bruciate 2300 calorie

Giornata iniziata sotto la pioggia, tanto che sembra novembre, molti dei ciclisti che hanno percorso la strada con noi scoraggiati hanno deciso di fare questa tappa con il bus. Noi no, affrontiamo, con le nostre mantelle da pescatori, divertiti l'unica mezza giornata di pioggia di tutto il percorso. Trasferimento con il traghetto sul lato sud del Danubio e via. Il tragitto è piacevole si snoda lungo la riva del fiume in strada dedicata. Dopo la giornata di ieri oggi si vola, nel primo pomeriggio siamo già a destinazione, in serata ricompare un pallido sole. Alloggiamo in pieno centro in una Gasthof. Visitiamo la famosa abbazia di Melk, peccato che è accessibile solo una minima parte ma vale comunque la pena. Qui è stato girato “Il nome della rosa”.

 

Quinta tappa. Melk - Zwentendorf set Donau 68.9 km in 7 ore 28 min bruciate 3247 calorie.

Dopo un rapido calcolo ci rendiamo conto che se domenica, vogliamo prendere il treno che ci riporta a Passau, dovremo accorciare le ultime 3 tappe a 2. Quindi da Melk a Zwentendorf set Donau. Abbiamo scelto di seguire il percorso che corre sul lato nord del Danubio, il percorso è caratterizzato dal paesaggio classico della produzione di vino anche se ha comportato l'inevitabile superamento di dislivelli anche impegnativi per le nostre povere gambette e considerando che dobbiamo necessariamente percorrere qualche km in più rispetto al solito partiamo un po' perplessi sulla riuscita dell'impresa ma gli scorci spettacolari ci hanno veramente aiutato, distraendoci, con il senno di poi ci rendiamo conto che è imperdibile.

Abbiamo degustato un ottimo vino inoltre lungo il percorso è possibile mangiare le deliziose albicocche e acquistare la marmellata e altri prodotti del territorio. Ci sono infatti davanti alle case dei banchetti con i cestini di frutta, scegli quello che preferisci e lasci i soldi in un piattino………..

 

 

 

 

Sesta e ultima tappa Zwentendorf set Donau - Vienna km stimati 38

realmente percorsi 6,3 km in 1 ore 28 min bruciate 485 calorie

Da Zwentendorf a Vienna, km stimati 38 alle 12:00 è previsto l'arrivo. Non ho fatto i conti con la sfiga che mi aspettava poco dopo partiti….A 7 km da Tulln esplode il pneumatico posteriore della mia bicicletta, unico pezzo di ricambio che non ho portato. Ci incamminiamo verso Tulln con le biciclette “sotto braccio”, si fermano diversi ciclisti che vogliono aiutarci ma purtroppo non possono far niente; prima di Tulln troviamo un chiosco, dove fortunatamente un ciclista austriaco, che parla italiano, prende la situazione in mano, fa un paio di telefonate. L'unico meccanico disponibile però, essendo sabato, arriva con il furgone da Vienna. Aspettiamo bevendo un ottimo succo di mela e una ciambella dolce fatta in casa veramente buona. Arriva il meccanico però porta con sè, solamente una camera d'aria. Mi guarda e mi dice Vienna! Eh si bisogna andare a Vienna. Fine dell'avventura, arrivo a Vienna in Ducato. Sottolineo la correttezza del meccanico, ci ha trasportato io, mia moglie, le 2 biciclette fino a Vienna ha sostituito camera d'aria e copertone con uno antiforatura, spesa totale euro 50. Alle 12.00 riprendiamo le nostre biciclette e andiamo verso il centro di Vienna, sempre costeggiando il Danubio.

 

Fine del percorso visitiamo per la seconda volta Vienna. Cerchiamo una camera a prezzi ragionevoli, non è però facile, considerato che è sabato. Andando verso l'ufficio informazioni turistiche notiamo un'insegna: Schweizer pension. Bel colpo di fortuna, dopo vari posti pieni e altri carissimi, troviamo una sistemazione perfetta, centrale, molto carina e nello stesso tempo ci troviamo a 1 km dalla stazione Franz Josef Bahnhof da dove la mattina seguente alle 7:19 parte il treno per Passau. Il treno non è prenotabile ma chi prima arriva meglio alloggia e il biglietto si fa direttamente in treno. Ci si mette in fila al vagone dove vengono messe le bici e una volta consegnate si può scegliere la carrozza dove stare.

 

Questa esperienza ci è piaciuta e sarà l'inizio di altre. La ciclovia è fattibile da chiunque abbia un minimo di dimestichezza con la bicicletta, magari è meglio allenarsi un pochino prima di partire e lasciarsi qualche giorno jolly per piccoli imprevisti e per gustarsi i luoghi. I panorami sono belli e rilassanti tranne qualche tratto prima di entrare nelle città, per dormire non ci sono problemi, c'è tanta offerta solo a Vienna sarebbe meglio prenotare.

 

Per altri dettagli sentitevi liberi di contattarci info@leonardosrooms.it.

 

 

 

 

 

 

 

Home Page | ASIA | EUROPA | AMERICHE | MEDIORIENTE | AFRICA | -Sitemap-

I nostri siti: www.leonardosrooms.it www.homeholidaytuscany.com www.locandanova.it |

info@locandanova.it

 


Torna ai contenuti | Torna al menu